desc

Maria Battaglia / 22 Ottobre 2016

Maria Battaglia

La mostra "Narrazioni" di Maria Battaglia, dopo il grande successo ottenuto, sarà prolungata fino al 22 Ottobre 2016. Vi aspettiamo numerosi. ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Ho nostalgia di Maria Battaglia, della sua arte delicata e profonda. Spero di fare presto un nuovo libro con lei.
Straordinaria, su tutte, la copertina del nostro “Flauto Magico”, ai suoi splendidi Papageno e Papagena devo il Premio Andersen 2000. E molto bella anche quella della nostra “Petite fille de glace” (“aveva i capelli di cristallo, aveva una sciarpa ricamata di brina...”), il suo volto si affaccia stupito da una finestrella, come da una remota infanzia.
E un altro volto inquadrato da una finestrella mi è caro, siamo nella casetta sull’albero delle “Tre storie di neve” (“c’era una volta un bosco e c’era una volta una bambina, c’era una volta una bambina che viveva in un bosco”). Quella bambina è anche un po’ Maria: la ricordo nella sua quieta casa di Bra, silenziosa e riservata come lei.

Vivian Lemarque

Cavallini
(Ritter von Steckenpferd di Vivian Lemarque)


C’era un cavallino di legno che voleva tanto diventare un cavallino vero. E c’era un cavallino vero che voleva tanto diventare un cavallino di legno. Uno diceva: “Sono stanco di stare qui un questa vetrina di giocattoli.Vorrei avere quattro zampe e andarmene in una foresta con la criniera al vento, vero come un cavallo vero.” E l’altro diceva: “Sono stanco di correre nelle foreste. Vorrei diventare un cavallino di legno, di quelli a dondolo o a bastone. Vorrei vivere nella vetrina di un negozio di giocattoli. E vorrei che fosse Natale, che la vetrina luccicasse come una luna. I bambini si fermerebbero ad ammirarmi, io guarderei loro e loro guarderebbero me.” I loro desideri furono esauditi. Il cavallino di legno diventò vero e il cavallino vero diventò di legno. Ma dopo un pò di tempo, il cavallino vero si stancò di andare su e giù per la foresta, voleva tornare di legno e riposare. E quello di legno in vetrina si annoiava, voleva tornare vero per correre su e giù per la foresta. Ma questa volta i loro desideri non furono esauditi. Perciò pensateci ben bene, cari bambini prima di esprimere un desiderio.

PER VISUALIZZARE L'INVITO, CLICCA QUI


Torna indietro